Una scelta vincente
13/08/2016
Il Meglio che puoi con quello che hai
15/09/2016

La Principessa e il Saggio

C’era una volta una principessa che, quando al mattino la si svegliava toccandola, aveva una reazione inaspettata. Affannava, provava tanta angoscia, intorno a lei rivedeva il lampadario muoversi, le pareti del suo castello che sembravano crollare, rivedeva la madre entrare nella stanza e abbracciare in lacrime lei e sua sorella bambine e aspettare tutte insieme che il terremoto finisse e queste brutte sensazioni restavano dentro di lei fino a sera.

Un giorno, mentre si recava in città per commissioni, cadde da cavallo e si slogò una caviglia. Fu soccorsa da un vecchio saggio che la condusse nella sua dimora in mezzo al bosco e le disse: “Vedo che sei una ragazza forte e coraggiosa, ma una nube oscura la tua anima e la tiene intrappolata”.

“Cosa posso fare, maestro, per diventare una donna libera?”

“Sarai una donna libera quando i ricordi non ti faranno più male.”

“Non si può cambiare la realtà, maestro.”

È vero, la realtà non si può cambiare, ma si può cambiare la’effetto che la realtà ha su di noi.”

“Come si fa, maestro?”

“Trasforma i brutti ricordi in bei ricordi.”

Così la principessa chiuse gli occhi e sentì che qualcuno la toccava per svegliarla. Immaginò di vedere intorno a lei la sua stanza piena di luce, sua sorella ancora assonnata e le cugine, venute a far loro visita, che saltavano sul letto e le invitavano ad alzarsi per giocare. Il cuore della principessa fu colmo di gioia e da allora ebbe solo bei risvegli.

Chi è la principessa della favola? Sono io, che a sette anni ho vissuto il terrore del terremoto in Irpinia. Attimi che ho rivissuto per trent’anni quasi a ogni risveglio.

Poi, con la PNL, ho scoperto la tecnica del reimprinting grazie alla quale sono riuscita a modificare l’impatto che quell’evento aveva avuto su di me e da allora niente più affanno, niente più angoscia. Viviamo momenti drammatici per il terremoto che ha colpito il Centro Italia, momenti in cui oltre al sostegno materiale serve anche quello morale e allora mi auguro che questo post possa essere di aiuto a quanti stanno soffrendo e hanno sofferto a causa di eventi più grandi di loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *